In the name of the butcher – In the market (Lorenzo Lombardi, 2009)

In the market 2009

Tre ragazzi, Sarah (Rossella Caiani), David (Marco Martini) e Nicole (Elisa Sensi) sono  in viaggio per andare ad un concerto. Vengono rapinati durante una sosta alla stazione di benzina e sono costretti a fermarsi in un market per denunciare l’accaduto alla polizia. David ha la brillante idea di passare la notte nel market in modo che i tre possano mangiare e bere a sbafo per poi uscire, la mattina seguente, come semplici clienti. David non sa che nel market è rimasto il macellaio (Ottaviano Blitch).

Il panorama horror indipendente italiano, negli ultimi tempi, sta proponendo delle personalità molto interessanti che, o per mancanza di fondi o per poca fiducia dei produttori, non riescono sempre ad emergere e a far distribuire i loro prodotti nelle sale. Però c’è chi ci riesce anche grazie ad una buona pubblicità e a determinate frasi e appelli che servono ad aumentare l’hype. E’ questo il caso di In the market di Lorenzo Lombardi, produzione low-budget del 2009 uscita nelle sale il 5 Luglio dello scorso anno. Nel blog del film regista e cast tecnico gridavano, in pre-produzione, al rilancio dell’horror italiano grazie a questa pellicola, alla sceneggiatura originalissima con protagonisti i cannibali e tratta da una storia vera (sigh!), alla copiosità del sangue che avrebbe disgustato anche lo stomaco più forte.

Il risultato? L’unica cosa vedibile è, FORSE, la recitazione, dal minuto 46 (di 87), di Ottaviano Blitch. Nel primo quarto d’ora del film lo spettatore viene letteralmente ipnotizzato: guarda fisso nello schermo, in realtà osservando il vuoto e non udendo né suoni né rumori, sgomento e basito di fronte alle voci atone, inespressive ed ebeti dei tre protagonisti. I robot saprebbero parlare meglio. Lo stato di trance da suicidio si interrompe quando lo spettatore si abitua allo scandalo sonoro e inizia a seguire la pellicola durante un insensato paragone tra Salvate il soldato Ryan e Hostel seguito da delle freddure del tipo: “Cosa mangia un cannibale vegetariano? I finocchi“. Tutto questo accade mentre i tre sono in auto. Questo viaggio on the road durerà per circa 40 minuti, esclusivamente adornato con perle del genere appena descritto. Evidente è l’ispirarsi a pellicole come Non aprite quella porta o lo stesso Hostel di Eli Roth, arrivando sino a Quentin Tarantino e a un pizzico di Dal Tramonto all’Alba di Robert Rodriguez.

Il personaggio di Ottaviano Blitch si ama sin da subito perché ha il pregio di zittire i tre cretini e perché interrompe lo sgomento timbrico a cui si è assistito fino a quel momento. Ma anche lui ha il difetto di parlare troppo. Un maestro degli effetti speciali come Sergio Stivaletti non si può sfruttare solo negli ultimi dieci minuti di pellicola, soprattutto quando in pre-produzione il cast urlava al totale disgusto, all’immensa di quantità di sangue promessa. Tutto il talento dell’effettista viene sprecato per dieci minuti insulsi preceduti, nella prima parte, da dialoghi dementi e, nella seconda, da un monologo ad alta voce fin troppo serio e noioso che, dopo 30 minuti, vi farà esclamare: “Comincia questa tortura o no?“.

Ci sono quattro semplici parole per riassumere l’utilità morale, tecnica, logica, filosofica, filologica, antropologica e quant’altro di questo film: non ha alcun senso. Queste quattro parole tipiche del critico che “mangia” sulle recensioni negative saranno parole che tutti i visionanti diranno a fine pellicola, una di quelle il cui giudizio è oggettivo e non soggettivo. Pellicole come In the market, Visions o, ancora peggio, Smile sono i tipici esempi del perché i bravi registi del panorama indipendente italiano non riescono a portare i propri film nelle sale.

See You Soon,

Hanuman

immagine: http://www.cineclandestino.it

About these ads
Comments
4 Responses to “In the name of the butcher – In the market (Lorenzo Lombardi, 2009)”
  1. viga1976 scrive:

    e ho l’impressione che nemmeno ci faccia ridere alla grande come altre opere tipo Il Bosco 1 o la collana dalle sette croci-il lupo mannaro contro la camorra

  2. Nick scrive:

    Un altra occasione sprecata quindi?

    • CineFatti scrive:

      Nick, credo sia stata una occasione che, in realtà, non c’è mai stata:D. Del resto ho imparato a diffidare dei prodotti che, prima della loro uscita, promettono mari e monti provenienti dalla bocca del cast:D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 76 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: